Skip to main content

INCONTRO E DISCUSSIONE CON IL CAST DELLA SERIE AMAZON “BANG BANG BABY”

Andrea Giordano dialoga con Dora Romano, Giorgia Arena, Vincenzo Leto e Carmelo Giordano

Gli anni ‘80, glitter, capelli cotonati, night club e pistole. Il racconto delle mafie del sud torna in una chiave del tutto nuova sugli schermi nella serie originale italiana, disponibile su Prime Video “Bang Bang Baby”, un racconto della ‘ndrangheta tra humor nero e parodia pop, prodotta in Italia per Amazon Studios da The Apartmen e Wildside (entrambe società del gruppo Fremantle) . Attraverso le parole del cast della serie, ispirata al romanzo autobiografico “Mafia Princess”, verrà analizzato come è cambiato il modo di raccontare la criminalità organizzata oggi. Una narrativa che, nonostante il contesto chiaro della ‘ndrangheta nella Milano da bere, non punta a farne un ritratto storicamente accurato, quanto invece a ruotare attorno alle follie, agli affetti e all’amore che ci spinge a fare tutto. In mezzo ai “soliti” omicidi, depistaggi, accuse e complotti vi è, infatti, il mondo della giovane Alice costruito con la propria mente e il proprio cuore. Un mondo ricco di riferimenti alla cultura pop, dove la musica regna sovrana e dove la propria interiorità trova sfogo attraverso manifestazioni metaforiche, come una splendida pioggia di caramelle colorate. Perno di questo nuovo racconto della criminalità sono le donne, protagoniste attive ed insostituibili. Terribili come Lina, forti e indipendenti come Gabriella, fragili e sognatrici come Assunta, coraggiose a sangue freddo come la giovane Alice, bulimica ma affamata d’amore. Le donne hanno poteri magici, sono imbattibili come le Charlie’s Angels chiamate a mettere a posto i casini dei maschi. Donne furbe e forti che tengono realmente tra le mani le redini del potere. Un racconto nuovo, colorato e fresco per un tema tristemente popolare rende il nuovo linguaggio accattivante e accosta anche i più giovani alla riflessione sulla criminalità organizzata.

Un cast brillante che mette a confronto nuove e vecchie generazioni e rimane, accanto al nuovo storytelling, la chiave del successo di questa serie targata Prime Video.